Milano: Ecopass 2012 gratuito per le auto a gpl

Milano, Ecopass 2012 e gpl

La Giunta di Milano del sindaco Giuliano Pisapia ha deliberato ufficialmente da qualche giorno le nuove modalità riguardanti l’area Ecopass (ora denominata Area C), con interessanti novità per i possessori di veicoli a gas/gpl: il nuovo regolamento prevede infatti l’accesso gratuito per l’anno 2012 all’intera area per tutte le auto classificate come maggiormente ecologiche: le auto elettriche, quelle a metano e a gpl.
Una deroga che denota sicuramente attenzione nei confronti dell’ambiente, ma che tuttavia non manca di alcune contestazioni da parte di gruppi ecologisti, che mettono in evidenza la differenza in materia di impatto ambientale tra le piccole utilitarie con normative Euro 5 e le grosse auto con impianti a gpl o metano.

Le categorie di veicoli maggiormente inquinanti, quindi pre-euro, Euro 1, 2 e 3 saranno invece completamente interdette all’accesso nell’area, negli orari attualmente attivi, che saranno mantenuti: dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 19.30.

Le nuove regolamentazioni entreranno ufficialmente in vigore dal 16 gennaio 2012, per un periodo sperimentale di 18 mesi, con le seguenti tariffe:

  • 5 euro a ingresso per le vetture che non rientrano nelle categorie sopra citate
  • 3 euro a ingresso (tariffa agevolata per i primi 6 mesi) per i veicoli adibiti al trasporto merci, dal 6° mese in poi la tariffa sarà adeguata a 5 euro comprendente 2 ore di sosta gratuita
  • 2 euro a ingresso per i residenti, che tuttavia disporranno dei primi 40 ingressi gratuiti

La decisione è avvenuta dopo un lungo confronto con oltre 70 associazioni di categoria, basandosi inoltre sui dati storici degli accessi registrati durante il periodo di attivazione dell’Ecopass: si stima infatti che annualmente quasi l’80% dei veicoli ha effettuato meno di 10 accessi annuali, portando quindi a poco più di un quinto le persone che si troverebbero a dover pagare una tariffa superiore ai 50 euro annui, mentre le statistiche riferite ai residenti mostrano che solo il 50% ha superato in un anno la soglia dei 40 accessi.

Non resta quindi che aspettare e valutare se questo intervento raggiungerà l’obiettivo previsto di una riduzione del traffico del 20% nell’area di maggior congestione del capoluogo lombardo, come si auspica l’attuale Giunta Comunale.